fenice

Anni di dolori e lacrime
non hanno affogato l’anima
risorta come fenice
dalle braci d’una vita appena passata.

Ha colore il dolore?
Hanno colore le lacrime?

Disciolti in tempere acquose
tra le dita tremanti
nuovi orizzonti e nuove aurore.

Ma nel dipinto figurato
il volto si commuove ancora
nell’abbraccio di un padre
ad un figlio tanto desiderato.

E quel bacio ad una bambola
dagli occhi di cristallo
azzurri come il cielo.

Come fenice che vola in alto
dalle piume lucenti più del sole
a rincorrere i ricordi ancor viventi.

Il presente è uno sguardo dolce
che travalica il passato
nel raggiungere la filigrana del tempo.

La brace sepolta sotto un tappeto di sabbia
impermeabile al policromo volo d’una fenice risorta
e nell’anima si specchia una preghiera per il domani
alla scoperta di un indirizzo nuovo per vivere ancora.

@Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

9 Comments on “Come fenice

  1. ogni ricordo lascia una traccia ed un colore, e forse alla fine ci trasformeremo in un arcobaleno. Stupenda. Marianna

  2. C’è sempre una rinascita, che sa donare nuovi spunti di vita, in un percorso complesso, difficile da percorrere…
    E’ bello leggerti

  3. Lacrime e dolore credo non abbiano un colore: hanno il sapore dell’amaro…
    Abile gioco di metafore in versi stupendi…
    Ros

  4. Leggera come il vento..profonda come il mare…ma senza affondare…librarsi in volo!…

  5. Chi non passa attraverso il dolore non ha vissuto!
    Tu ci sei passata.
    Cesare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...