La donna che sono

Poesia edita in ‘Universo Donna’ pubblicata con l’associazione no-profit ‘LunaNera’ che devolve gli introiti al Progetto G.A.I.A dell’Ospedale Meyer di Firenze, per i bambini disagiati e abusati.

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

La donna che sono

So tutto di me stessa
rivolto le pagine di vita
i fogli bianchi e neri
mentre il cielo ascolta.

Quando il pensiero
vola troppo in alto
chiudo il libro che ho aperto
mentre la luna complotta
di spogliarsi e diventar poesia.

Una nenia dolce mi coinvolge
mi sorprende ed io, m’innamoro
e mi ammanto di bellezza
quella interiore e luminosa.

E’ il grande coraggio, non mio
ma delle donne che conoscono
lo spazio libero in un cono d’ombra.

So tutto di me, di me…
degli errori non voluti
di quelli mai commessi
dell’amore, a piene mani, regalato.

Mi dono una rosa, accendo il cuore,
nella luna vestita a festa, la donna che sono.

@Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

View original post

Il silenzio della montagna

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

L'immagine può contenere: cielo, montagna, albero, neve, spazio all'aperto e natura

(Foto di Alessandro Farina – Architetto, fotografo, musicista)

La montagna ti parla nel suo silenzio
con il vento che accarezza il viso
mentre una mano solca il mio sorriso.

Si schiude al sole irriverente
con un guizzo abbaglia di smeraldo
mentre le ciglia si abbassano sull’iride nascente.

Respiro ogni molecola
dentro il bosco che della frescura ne fa dono
mentre il viale si congiunge al tramonto.

Il silenzio della montagna
ti rapisce nei suoi pascoli eterni
mentre l’eco delle campane si assottiglia
verso il timido colore che solo la natura sa donare.

Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

View original post

Tutto di te

Risultati immagini per The Leisure Seeker

 

Tutto di te

dei tuo occhi impazienti

che cercano le mie mani

e la mia pelle candida come farina.

Sei quello

non lontano  e fuori dalle tenebre

affondato nelle mie lacrime

che hai raccolto in gola,

per non farmi più soffrire.

Colmi i miei giorni

di non amarezza e raccogli

cortecce di sole e fiori di luna

per costruire il futuro del momento.

I giorni scoprono gli altari

della comprensione che si fa radice

nell’essere estremità e centro

di ogni scelta e commozione.

La generosità ci accomuna

in questi giorni di poesia e musica

e invecchieremo una dentro l’altro

a coprirci le spalle e le ossa.

Sei tutto di te che ami me

probabile racconto di stagioni,

di tenerezza e pazienza, di vita.

 

©Patrizia Portoghese

Uccidimi

Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

UCCIDIMI

Uccidimi
so che lo farai
non sei degno di accarezzare
quel fiore che cresce dentro di me.

Prima picchiami
so che ne sarai capace
sei degno di tutto l’orrore
quel sangue macchierà il tuo corpo.

Non sei uomo
solo l’ombra che trafigge
quella porta chiusa chiamata inferno.

Uccidimi
prendi il collo tra le mani
e stringi, stringi forte con tutto il fiato!

Ora io sono
e tu non sei più
mio carnefice, tu sei ucciso dal male
ucciso da te stesso e da lì mai fuggire potrai.

Scendono gocce
di pianto e sorriso
un’altra donna ha preso il volo
ha spiegato le sue ali d’argento e brilla
brilla con le altre tutte già in ascesa verso il cielo.

@Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

View original post

Hai capovolto il cielo (A Federica Mangiapelo)

Una per TUTTE…

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Federica Mangiapelo

E’ vivo il ricordo
nei giorni tuoi infanti
briglie al vento i tuoi capelli
manto di stelle che rischiara le notti.

E’ solo un corpo
che giace nella terra
il vissuto veglia albe e tramonti
dietro i vetri di finestre illuminate.

Minute giunchiglie
anticipano l’avvento
mentre lente passano le stagioni
sui binari di vite che avevano un senso.

Testimoni le iridi
ancora vive e lucenti
in quelle foto che cantano amore
in un girotondo di speranze annullate
cullate da dita e mani morbide ed operose.

Sono i tuoi segnali
capriole di foglie stanche
girotondi di nuvole e temporali
e cortecce trasparenti intrecciate dal vento.

Hai capovolto il cielo
in una notte di novembre
e nuotato in acque salmastre
non volevi raggiungere l’azzurro del cielo
ma sei diventata un petalo che si specchia in esso.

A Federica Mangiapelo

Patrizia Portoghese
Tutti i diritti riservati

View original post

Scarpette rosse (Giornata mondiale contro la violenza sulle donne)

Tra poco è il 25 novembre, ma bisogna che sia 25 novembre tutti i giorni…

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Scarpette rosseRosse come le gocce di sangue
rosse come le lacrime cessate
rosse come le guance offese
rosse come le ciocche spezzate
rosse come le fiamme accese
rosse… rosse… rosse… rosse
Scarpette rosse simbolo delle donne
violentate, umiliate, uccise.

(Pattyrose)

View original post

Non gridare

Si avvicina la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Non gridare

Non gridare
dammi il tempo di spiegare
non ferirmi
con parole unte di odio
dammi il tempo di parlare.

Uomo
che non vedi
oltre l’orizzonte del domani
che distruggi i sogni
di chi vuole volare
sulle note di una poesia
sulle note di una canzone.

Usi la violenza
la tua arma più efficace
il tuo ghigno micidiale,
a volte la tua mano
è un fuoco acceso.

Punti il dito
per farmi male
– patetico-
ambisci al gesto primordiale.

Il livido guarisce lento
il sorriso solo un paravento
per difendere la dignità
di un sogno,
di una donna,
di una vita.

Lugubre
resti e resterai
nei tuoi gesti sconci
nei tuoi occhi bestiali
nel tuo essere
-non essere-
sasso scagliato
contro un universo
che mai scoprirai.

Patrizia Portoghese in arte Pattyrose
Tutti i diritti riservati

View original post

Dentro e Fuori

L'immagine può contenere: 1 persona

 

Dentro e fuori

un’anima fatta di poesia

di lacrime e sorrisi,

un’avventura d’amore

per la vita.

[ Scorgo anfiteatri

e luci nella notte

sentieri d’armonie]

Dentro e fuori

merletti d’emozioni

di dolori e speranze,

un cammino tutto mio

di vita.

©Patrizia Portoghese

 

 

Cinquantadue lune

E gli anni passano… Ma i sogni non hanno età…

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

52 lune

Girano verso sud
si nascondono
poi riappaiono.
E’ un incanto
vederle volteggiare
tutte insieme
in un sol giorno
che Dio ha creato.
Sono mie
della mia vita
hanno un nome,
un pianto, un sorriso.
Cinquantadue lune
rosa, ocra, bianche
come latte
appena versato.
Nere come il dolore,
nascosto negli anni andati.
Si vestono
con fuochi d’artificio
si cullano
nella ninna-nanna
di una bambina.
Si vestono
con veli di sposa
portati via dal vento.
Si ammantano
di una luce nuova
fuori dal tempo
fuori dall’inganno.
Questa vita
fatta di lune
cinquantadue,
sfaccettate nella stessa.
Si colorano d’oro
per sembrare d’avena
di grano e cobalto.
Si tingono d’azzurro
nello scintillio
di un cielo argentato.
Soffio
su queste lune
brindo ai miei anni
colmi di vita vera
appesa ad un lembo d’allegria.
Cinquantadue stille di luna
ricomposte
in un intarsio di cristallo.
E’ la visuale
dalla quale le vedo oggi
Un oggi che…

View original post 40 altre parole

Il Diario della Speranza

Risultati immagini per anna frank

 

Uno scrigno di speranza
il diario di una bambina
lasciava cadere lievi
pesanti parole
in quella stanza
mentre fuori…
Si consumava la mattanza.
Eppure leggendolo
guardando la sua foto
s’illumina il cuore
e credi nella bontà dell’uomo.
Lei guardava al cielo
tra morte e dolore
ci riusciva…
Senza rancore.
Il mondo non può
non deve scordare
ad occhi aperti deve restare.
Quella Bambina e quel Diario
un simbolo perenne
d’amore e di speranza
per non dimenticare.

L’ho scritta anni fa per te piccola Anna

©Patrizia Portoghese

Sdegno per i fatti accaduti.

Quanta cattiveria in questo mondo, quante ne dovremo ancora leggere e vedere. Prendere di mira Anna Frank, uno dei simboli dell’olocausto. Una ragazzina inerme morta nei campi di concentramento e lei che scriveva della speranza nell’uomo.
Non basta che facciate il minuto di riflessione e non mi interessa che siano una minoranza i colpevoli (che spero siano tenuti in gabbia per molto tempo…Utopia…).
Le società e i giocatori dovrebbero come atto dovuto fermarsi per una giornata ( i soldi e gli interessi già…).

 

Il rosa di Penelope

Risultati immagini per donne nella pittura violenza contro le donne

 

Penelope aveva gli occhi grandi

le ciglia ricamate d’azzurro

e la bocca rosa e carnosa.

Camminava ai bordi della via

con i lampioni a far da cornice

e le scarpe rosse consumate.

Al collo quel foulard a fiori

e la borsa di cuoio a ricordare

del ’70 le lotte e le conquiste.

Penelope aveva tanti sogni

nelle tasche allegre di ragazza

camminava ai bordi della via.

Un giorno le si schiuse il grembo

il calcio ben assestato e…

Le lacrime non rosse, ma rosa

le scesero, non un lamento.

Penelope delle mille battaglie

vittima del suo carnefice,

tra i seni un rivolo d’agata.

Il rosa di Penelope urla

negli occhi semichiusi

nella sua bellezza soffocata.

Vola nell’aria e si libra in alto

dove chiarezza e libertà

non nella carne ma nel canto,

si fanno amore per Le Altre.

Penelope e le sue lacrime rosa,

in cammino, con un fiore tra le mani

dove tutto non accade, ma rivive.

 

©Patrizia Portoghese

 

 

Un fiocco rosa

Risultati immagini per fiocco rosa tumore al seno

 

Un fiocco rosa

come un petalo che faccia da argine

alla cattiveria del mostro.

 

Che serbi il coraggio

nell’animo delle donne

e forgi la dura lotta

per l’amore della vita.

 

L’amore per la vita

conduce un fiume in piena

negli argini,

arresta l’ombra dei passi

e illumina la speranza.

 

Un fiocco rosa

come un petalo che accarezzi gli occhi

e che guardi al passato

con un sorriso sulla bocca.

 

Che sia simbolo

di rinascita a nuova vita

frangiflutti all’inevitabile.

 

Un fiocco rosa

è armatura color pastello

lucente, a illuminare il domani.

 

A tutte le Donne che hanno lottato, lottano e lotteranno contro il tumore al seno.

A quelle Donne che non ce l’hanno fatta.

 

©Patrizia Portoghese

 

Risultati immagini per fiocco rosa tumore al seno

 

Associazione Culturale 'Divagazioni D'Arte'

L'Arte è voglia di emozionare qualunque sia la forma usata per esprimerla

PRISMA , IL CORO CHE BALLA.

Il sito del Coro Prisma: realtà musicale romana che si occupa di intrattenimento musicale con canti folk e popolari.

Curvy Pride Blog

❤ Next Flash Mob Coming Soon // Follow us: #curvypride #beautyhasnosize ❤

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

La Grande Concavità

Scritti spazzatura sulla musica rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: