L’amore mancato

Sui sentieri dell'anima... di Scrivere per Amore

Risultati immagini per occhi e lacrime

L’amore mancato

ingannato

vilipeso.

L’amore malnutrito

rifiutato

offeso.

L’amore tradito

bugiardo

schiaffeggiato.

L’amore atteso

perduto

umiliato.

L’amore usato

strangolato

giustiziato.

L’amore affamato

condannato

ucciso.

L’amore malato

arreso

vomitato.

[Nella perdizione

vagherà

chi

di tanto

si è macchiato]

©Patrizia Portoghese

View original post

Il silenzio (aforisma)

Nessuna descrizione della foto disponibile.

“Quando la notte si dimentica del giorno e il silenzio diventa protagonista, si accende il desiderio di rinascere non più in una lacrima infinita”

Patrizia Portoghese

Passo dopo passo

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e occhiali_da_sole

Passo dopo passo

al centro e ai lati della vita

in tutte le parti del mio cuore.

Cosa posso farci?

Invecchio con ancora un’esistenza

da vivere, fatta di pane e di gocce di luna,

di chitarre appese all’aria canterina.

Dentro i miei occhi

scintilla il passato come sabbia finita

dentro una clessidra arrugginita, ma ancora respiro.

Quel respiro che si fa anima e canto

azzurro e pelle di cielo, fresco e terra.

Vorrei volare

e stare di spalle coricata

tra linee di mare e di cielo,

nei tramonti arancio di montagna

in mezzo a un campo di girasoli.

Voltandomi solo una volta,

per perdermi in questo nuovo futuro

più breve, di certo. Più intenso indubbiamente.

[Da molto tempo aspettavo

e ora sono forte e fragile come il legno e l’acino

cammino in questa stagione di cristallo

passo dopo passo]

Ai miei sessant’anni

20 luglio 2021

©Patrizia Portoghese

❤️Raffaella Carrà ❤️

Chi è Raffaella Carrà

Un’Icona del nostro tempo ci ha lasciati.

È morta Raffaella Carrà.

Se n’è andata la Regina della storia della televisione, del varietà, della musica, della cultura di questo Paese. Chi di noi non ha canticchiato una delle sue canzoni, chi non ha riso trascinato dalla sua irresistibile risata. Il 18 giugno aveva compiuto 78 anni.

Una perdita enorme e incolmabile. Resterà nella nostra memoria.

La mia carriera è stato un continuo sorprendermi, e questo è il massimo: gioire di una piccola o di una grande cosa significa vivere.

Raffaella Carrà

Carla Fracci

Carla Fracci, ritratto di un mito dei nostri giorni diva della danza

La più bella stella è caduta.

Ci lascia Carla Fracci, una o forse la più brava ballerina classica del mondo, un angelo senza ali che era anche una grande Donna.

La sua eleganza e personalità indiscusse sono e resteranno baluardo della cultura italiana e mondiale.

Ora danzerà in eterno con i suoi simili, gli angeli.

“La danza è una carriera misteriosa, che rappresenta un mondo imprevedibile ed imprendibile. Le qualità necessarie sono tante. Non basta soltanto il talento, è necessario affiancare alla grande vocazione, la tenacia, la determinazione, la disciplina, la costanza”.

Carla Fracci

Un anno e mezzo fa ho iniziato a dipingere e circa un mese fa, senza immaginare, ho realizzato questo quadro a Lei dedicato.

Riposa in pace eterna bellezza.

Potrebbe essere un contenuto artistico
‘Carla’ acrilico su tela 30×40
Patrizia Portoghese

Franco Battiato

È morto Franco Battiato, la musica italiana piange uno dei suoi artisti più  grandi

Ci lascia un altro Grande Artista Italiano.

Franco Battiato, musicista, scrittore, poeta, pittore, regista, insomma, artista a tutto tondo.

E’ stato soprattutto un innovatore della musica italiana.

Ha attraversato tutti i generi, iniziando con il rock progressivo e sperimentale, sublimato nell’album “Fetus” passando al cosiddetto “pop colto” del segmento successivo e dando vita ad album che hanno un posto d’onore nella storia della musica italiana: “L’era del cinghiale bianco”, “Patriots”, “La voce del padrone”. E ancora: “Orizzonti Perduti”, “Mondi lontanissimi”. Nel 1996 “L’imboscata” contiene uno dei brani che segnerà la seconda parte della sua carriera.

“La cura”, frutto del breve sodalizio con il filosofo Manlio Sgalambro, resta e resterà tra le più belle canzoni d’amore di ogni tempo.

Ho ascoltato le lacrime degli angeli

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone

Ho raccontato di lune bianche
ho raccontato di soli ardenti
nelle metafore più lucenti.

Incline da sempre alla tenerezza
ho aspettato che un tuo bacio
mi chiudesse all’improvviso la bocca.

Ho ascoltato le lacrime degli angeli
che chiedevano sorrisi ai miei occhi
troppo belli per morire nella notte.

Troppo belli per non vivere più
e nel sogno rigenerato ho trovato
rime baciate dalle amiche stelle.

Ascolto e racconto ciò che vedo
fuori e dentro la mia anima di donna
graffiata e amata da questa vita.

Questa vita ascoltata e raccontata
per amare e vivere una volta di più.

Patrizia Portoghese

Buon viaggio Milva 💔

“Ritengo che proprio questa speciale combinazione di capacità, versatilità e passione sia stato il mio dono più prezioso e memorabile al pubblico e alla musica che ho interpretato e per quello voglio essere ricordata.”

Milva

Com'è morta Milva, quale malattia aveva, età, cosa è successo

Roma mia bella!

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e monumento

Ma quanto sei bella
aruffata co la pioggia
abbronzata cor solleone
Roma che ‘nsegui li secoli
come se fussero
regazzini appena nati.
E quanno m’appari la matina
solleticando l’occhi
co quer célo birichino
proprio me vié na voja
de scappà lungo er fiume.
Raccoje le prime luci
e regalalle ar primo che passa
e gridà forte ‘io so de Roma!’.
Le campane soneno forte
quelle de ste cento chiese
lungo er corso affollato
che porta al Marco Aurelio.
Poi me guardo ‘ntorno
e me perdo drento ‘n vicolo
che me pare d’esse ar tempo
de l’imperatori e Cesare me saluta
Ave Giunone! Ma si! Ho sbajato portone!
Più avanti sotto n’arco de granito
arto che pare ‘n gigante
ce sta ‘na folla urlante
cori cori c’ariva er gladiatore!
Quanta storia Roma mia
che pè ricontalla tutta
ce vorebbe ‘n’antro secolo
ma me fermo qui e solo ‘na cosa penzo
e dar core m’esce così…
Quanto sei bella! Nisuna è come te!

Patrizia Portoghese

Cuore di vento

Potrebbe essere un contenuto artistico raffigurante fiore
‘Insieme’ acrilico su tela

Orizzonti e vita nuova
trovati immersi, in un oceano di lacrime
proprio sotto gli ultimi granelli di sabbia.

Tra le fiamme azzurre
di crepuscoli e solitudini non cercati.

Gira la ruota della vita
converge in un fulcro nuovo
vestito di un magnetico indaco.

Pieni questi orizzonti!
Piena questa vita nuova!

Soccombe il resto
che in nero uccise la mia essenza
nata di creatività e di sogni .

Un cuore di vento bussa alla mia porta
e l’orchestra sommerge e innalza la parola.

Sorrisi in quest’onda di gioia
tingono le perle d’amaranto e tutto…
Tutto diventa orizzonte e vita nuova.

©Patrizia Portoghese

Era di marzo

Misteriosi e surreali dipinti di donne senza volto sopraffatte dalla natura
Dipinto di Amy Judd

Era di marzo

un giorno come tanti

ma in grembo la primavera.

Come una tempesta

di grano e collera pioveva

e in mano il pugnale teneva.

Cresceva l’odio

l’amore non ritornava

la rugiada glaciale ora la copriva.

Mai più sarà giorno

né la notte preludio dell’alba

il dolore per Tutte, una lezione di pianto.

©Patrizia Portoghese

La bimba dalle gote rosse

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi

Aveva le scarpe slacciate
saltava come un ranocchio
la bimba dalle gote rosse.

Inciampò su un lato della strada
dove il tempo aveva smesso
di contare i sassi per terra.

Fu presa e portata lontano
dove i treni non hanno stazione
solo infiniti tunnel senza luce.

Non ebbe paura di rispondere
a chi le aveva strappato un bottone
ne dello schiaffo dato per farla tacere.

Riusciva a sorridere al buio
dove i passi erano incudini
pronti a mordere l’innocenza.

Passarono gli anni della segregazione
un alito di vento asciugò il tormento
una luce uscì violenta dalla porta.

La libertà ad una manciata di secondi
era lì brillante di un azzurro mai visto
si rifletteva su quello specchio rotto.

La bimba dalle gote rosse
con le scarpe consunte ed allacciate
corse a perdifiato su per le scale.

Vide il suo corpo di donna
dieci anni di perduta giovinezza
un fazzoletto bagnato dietro la nuca
una mano, una carezza, la vita…

Si aggrappò alla certezza
di non essere più una bimba sepolta.

A tutti i bambini spariti, a quelli che non sono sopravvissuti a quelli che si sono salvati…

@Patrizia Portoghese

Antonino Schiera - Riflessioni d'Autore

L'alba di ogni nuovo giorno illumina i miei diuturni pensieri, di notte sopiti nell'eremo dei tuoi abbracci

wwayne

Just another WordPress.com site

Associazione Culturale 'Divagazioni D'Arte'

L'Arte è voglia di emozionare qualunque sia la forma usata per esprimerla

PRISMA , IL CORO CHE BALLA.

Il sito del Coro Prisma: realtà musicale romana che si occupa di intrattenimento musicale con canti folk e popolari.

Curvy Pride Blog

❤ Promuoviamo la pluralità della bellezza e dell'essere! Contro bullismo, stereotipi e discriminazioni ❤

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: