Poesia 1^ classificata Concorso Nazionale di Poesia-Giuseppina De Florio-4^ Ed.

L'immagine può contenere: 5 persone, tra cui Patrizia Portoghese, persone sul palco e persone in piedi

Roma 4 dicembre 2018

L’orbita del cuore

Scintilla l’essenza nell’orbita del cuore
rossa come corallo nel profondo del mare.
E si accalcano stelle su stelle, nel blu.

E’ l’ora giusta per decidere dove andare
quali pianeti addormentati da risvegliare
e il nostro amore è sulla rotta del tempo.

Senza inquietudine e con pugnali di burro
abbiamo cancellato le tristezze e l’amaro
nelle bocche nuova vita respirato, inalato.

Ci condurremo per mano nelle albe future
in quei giorni dove i tramonti diventano
d’un rosa fluorescente dove l’amore si tocca
e il sapore lo senti dentro e sulla pelle.

Non esisterà nostalgia né rimpianto perché
all’ imbrunire le nostre mani saranno accanto
e i cuori per sempre felici graviteranno.

@Patrizia Portoghese

Motivazione della Giuria

Notevole in questi versi la capacità di dilatare la concretezza della letterarietà linguistica – presente con efficacia perché immediata e coinvolgente – nel riflesso di una semantica ulteriore, carica di contrasti antitetici ma dialettici. Il tutto si svolge in una lotta essenziale e strategica tra “pugnali di burro” e tramonti di rose in grado di brillare di una luce “oltre” la luce. Il canto si conclude con un’intensa ricerca per identificare equivalenze vitali tra cose in atto e speranze gioiose, ricordi nostalgici e un futuro felice. Il ritmo risulta cadenzato nel corso del tempo e in quello effettivo di lettura. Il simbolismo di segni e segnali del brano esorta una proiezione, tutt’ altro che astratta, capace di simulare un mondo in cui emittente e destinatario del messaggio coordinano un asse comunicativo utopico, positivo e rigenerante.

(Cinzia Baldazzi)

L'immagine può contenere: 4 persone, tra cui Patrizia Portoghese, persone che sorridono

 

 

 

 

Anche senza un raggio di sole

Anche senza un raggio di sole…

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Passione

Sono fiore che penetri con la bocca
saliscendi d’emozioni in bilico sulla corda
stretta tra le mani che chiedono passione.
Anche senza un raggio di sole
con la pioggia che batte e ritma i sospiri
come un giardino dove i sensi colmano il piacere,
illumini la mia vita di nuovo ardore.
La forza che emana questa simbiosi
lascia esterrefatti e quasi senza parole.
Parlano gli occhi brillanti di luce,
quella luce che solo un orizzonte nuovo
può farti vedere, linea verticale oltre la quale
un cielo dipinto d’anima e d’amore… Colma
le solitudini che non volevamo amiche.
Mordo le tue labbra consolatrici e abbraccio
i gemiti di un nuovo e bel canto d’amore
sodalizio di alberi intrecciati guardando il mare.
Anche senza un raggio di sole
con la pioggia che batte e ritma i sospiri,
dove il silenzio è solo traccia del nostro ardire.

@Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i…

View original post 2 altre parole

Il silenzio degli schiaffi

Risultati immagini per schiaffi

 

Bruciano la pelle
ma è il cuore che li sente.
Come ragnatele abbracciano il viso
ragni quelle mani senza sorriso.
Non t’arrendere donna
corri lungo il sentiero
della vita…
Della Tua Vita!
Sopraffare non è amare
ti si vuol togliere
la libertà … Di sognare.
Forza con coraggio sollevati
cammina a testa alta.
Non aver timore…
Del silenzio degli schiaffi
rimarrà cicatrice
ma nel tuo cuore ci sarà
ora e sempre
– Profumo di libertà –

@Patrizia Portoghese 

In volo sul mare

L'immagine può contenere: oceano, cielo, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua

(Foto Patrizia Portoghese)

 

In volo sul mare

come albatri impazziti

di schiena ad amoreggiare.

 

Come due occhi

che di sbieco sussultano

e a far la conta rimbalzano.

 

Uomini che tirano

come funamboli a terra

si fanno padroni del tramonto.

 

In volo sul mare

con grandi ali colorate,

mentre io prego per le Donne

che non vedono più quelle nuvole.

 

[Un poeta non può fare a meno di riflettere e di mettere su carta i propri pensieri scaturiti dalla foto sovrastante]

 

©Patrizia Portoghese

 

 

 

 

ARSA (A Sara)

25 novembre – Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle DONNE

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Lingue di fuoco ti hanno arsa,

l’abominio è stato di nuovo compiuto

perché vivere e decidere è una scala troppo ripida

per un uomo sputato per errore su questa terra.

Arsa tra le fiamme

uccisa dal possesso e dal non amore

vinta dalla ferocia e dall’indifferenza

malattie che urgono essere curate

in questo mondo che gira con inerzia.

Non è destino Sara

che il tuo bel nome suoni

in anagramma che del suono è afono

è dolce e sacro e non si accende con il fuoco.

Si accende di bellezza amore bello

quale tu sei e sempre sarai,

principessa della luce e dell’eterno.

Che possa trovare pace

la madre che ti portò alla vita

e che  cammina al buio nella tua stanza.

Che possa soccombere

masticando polvere e sangue

chi ti ha privato della luce di vita .

Che possa la gente

trovare la giusta strada per la pietà

e…

View original post 13 altre parole

Sussurri e grida

Risultati immagini per contro la violenza

 

Era una notte immacolata

di sussurri tramutati in grida.

Pugni contro carne

sangue a fiotti dalla gola

e occhi ammantati di cenere.

Cerulea impotenza

e quelle mani serpenti

a scavare il non infinito.

E’ un’onda interminabile

sete di morte femminea.

Era una notte silenziosa

di sussurri tramutati in grida.

 

©Patrizia Portoghese

20-11-2018

 

 

 

Cenere e sangue

Tra poco è la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne…

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Fabiana

Troppo lunga questa lista
macchie di sangue e cenere,
cenere e sangue misti alla terra.
Ideali carbonizzati
su un tappeto d’erba, senza fiori
occultati da una gioventù persa.
Non c’è fine alla persecuzione
giovani donne incontro al destino
troppo breve, troppo lungo.
Troppo lunga l’agonia
troppo breve la supplica
quando il carnefice non molla la presa.
Genocidio di donne
non omicidio passionale
ve ne prego, sono esseri amici del diavolo.
Si perpetua giornalmente
un massacro fatto di carne contro un NO,
un NO abissale che mette paura.
Un gioco di morte
che improvvisamente stritola il vento
e minaccioso ha già fatto spogliare
l’ennesimo fiore che non ha più una culla
dove poter dormire, se non tra le stelle
mentre la pioggia cade inesorabile.
Cenere e sangue senza un grido,
grumo di una piccola, grande donna.

@Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

Riporto alcuni commenti giunti su Fb, visto…

View original post 219 altre parole

Intervento di Renato Fedi – Presentazione Universo Donna

Ho iniziato a scrivere per amore, trasportata dal dolore…

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Renato Fedi

Patrizia ho iniziato a conoscerla come scrittrice diversi anni fa leggendo i suoi scritti su alcuni siti di poesia del web, ricevendone immediatamente un’impressione positiva per la notevole capacità di saper trasferire attraverso i versi le sue emozioni.
La vena poetica di Patty (preferisco chiamarla così), nasce e trova fonte soprattutto dal sentimento dell’amore, inteso nella sua più ampia accezione; gli accadimenti della vita con la separazione dal suo ex marito, hanno poi reso ancora più forte l’esternazione del suo ‘amare’ e la poesia si è fatta naturale compagna nei giorni del dolore e della riflessione.
Lo stile poetico di Patty è limpido, scorrevole, musicale; mai ruvido o cupo, è lo specchio di un’anima che sa osservare, esaminare e trasferire emozioni con la naturalezza di chi ha della vita una visione limpida, senza fronzoli.
I suoi versi colpiscono al cuore chi legge, sono ricchi di metafore e sempre intrisi di…

View original post 136 altre parole

Perlage

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Risultati immagini per calice di vino e donna

Perlage
particolare nell’odore
muschio e vaniglia sulla pelle
misto alla voglia delle bocche di godere.

Persistente
spezia d’aromi e melograno
e converge il rosa sul palato
diventa viola nel riflesso d’un istante.

Sensuale
accarezza l’ombra degli acini
matura e si fa piacere di ghiaccio
in una spuma bollente di compiacimento.

Perlage
l’emozione nel flûte
da bere a brevi e sensuali sorsi
corrobora i corpi e amplifica la mente.

©Patrizia Portoghese 

View original post

La Panchina

[Se la fantasia potesse

elencare le infinite volontà dell’uomo,

il crepuscolo darebbe di sguincio

un’ultima possibilità di rinascere.

Perché no, da un refolo di pensiero

da una memoria, da una panchina]

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

L'immagine può contenere: albero, pianta, cielo, spazio all'aperto e natura

Nella vastità del parco

ai margini di una pista da ballo

la panchina ricorda le grida festose,

l’estate che dava il passo all’autunno.

Con le foglie piegate

nei cammini svelti della gente

e le risa a perdifiato dei bambini,

nell’evoluzione delle giornate.

La Panchina aspetta

i sussulti di due amanti

e le parole d’amore agghindate a festa,

il dondolio dei rami strapazzati dal vento.

Quanto può far felice

questo ricordare d’archi e frecce scoccate,

di luce e tenebre da nascondersi al di sotto

e contare che anche l’ultimo tramonto sia andato.

Li vedo quei due abbracciati

capelli bianchi  e mano nella mano,

raccontarsi quello che è stato

e colorare il cielo con una lacrima e  un cenno del capo.

Basta una panchina

lì ai margini di una pista da ballo

anche se inventata

narra le gesta e le realtà del mondo.

[Se la fantasia potesse

elencare le infinite volontà dell’uomo,

View original post 24 altre parole

All the weary mothers of the earth

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, primo piano

 

All the weary mothers of the earth

All the weary mothers of the earth
All the weary mothers of the earth will finally rest
We will take their babies in our arms and do our best
When the sun is low upon the field
To love and music they will yield
And the weary mothers of the earth shall rest

And the farmer on his tractor and beside his plow
Will stand there in confusion as we wet his brow
With the tears of all the businessmen
Who see what they have done to him
And the weary farmers of the earth shall rest

And the aching workers of the world again shall sing
These words in mighty choruses to all will bring
“We shall no longer be the poor
For no one owns us anymore”
And the workers of the world again shall sing

And when the soldiers burn their uniforms in every land
The foxholes at the borders will be left unmanned
General, when you come for the review
The troops will have forgotten you
And the men and women of the earth shall rest

Tutte le madri che al mondo

Tutte le madri che al mondo son stanche, al fine riposeranno
Prenderemo i loro bimbi in braccio e faremo del nostro meglio
Quando il sole è basso sui campi
Cederanno alla musica e all’amore
E le madri che al mondo son stanche, riposeranno

E il contadino sul trattore o accanto all’aratro
resterà là, confuso, mentre gli bagniamo la fronte
con le lacrime di tutti gli uomini d’affari
Che vedono cosa gli hanno fatto
E i contadini che al mondo son stanchi, riposeranno

E i lavoratori che al mondo stan male, canteranno di nuovo
E porteranno a tutti queste parole con cori potenti:
“Non saremo più poveri
perché non apparteniamo più a nessuno”
E il lavoratori che al mondo stan male, canteranno di nuovo.

E quando i soldati bruceranno le uniformi in ogni paese
i posti di guardia scavati alle frontiere resteranno vuoti
E tu, generale, quando verrai in rivista
le truppe ti avranno dimenticato
E gli uomini e le donne di tutto il mondo riposeranno.

(Joan Baez)

https://www.youtube.com/watch?v=hqQcaWpwCrM

Un fiocco rosa

Per le mie amiche colpite, per tutte le donne che combattono, per tutte quelle che non ce l’hanno fatta… Fate prevenzione, può salvarci/vi la vita!

Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Risultati immagini per fiocco rosa tumore al seno

Un fiocco rosa

come un petalo che faccia da argine

alla cattiveria del mostro.

Che serbi il coraggio

nell’animo delle donne

e forgi la dura lotta

per l’amore della vita.

L’amore per la vita

conduce un fiume in piena

negli argini,

arresta l’ombra dei passi

e illumina la speranza.

Un fiocco rosa

come un petalo che accarezzi gli occhi

e che guardi al passato

con un sorriso sulla bocca.

Che sia simbolo

di rinascita a nuova vita

frangiflutti all’inevitabile.

Un fiocco rosa

è armatura color pastello

lucente, a illuminare il domani.

A tutte le Donne che hanno lottato, lottano e lotteranno contro il tumore al seno.

A quelle Donne che non ce l’hanno fatta.

©Patrizia Portoghese

Risultati immagini per fiocco rosa tumore al seno

View original post

Associazione Culturale

SANTA RITA Associazione Ricreativa Culturale e Sportiva

Associazione Culturale 'Divagazioni D'Arte'

L'Arte è voglia di emozionare qualunque sia la forma usata per esprimerla

PRISMA , IL CORO CHE BALLA.

Il sito del Coro Prisma: realtà musicale romana che si occupa di intrattenimento musicale con canti folk e popolari.

Curvy Pride Blog

❤ Next Flash Mob Coming Soon // Follow us: #curvypride #beautyhasnosize ❤

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: