Un momento di passione

Era in brutto momento della sua vita, un momento che mai avrebbe immaginato arrivasse. Entrò in casa, buttò le chiavi della macchina sul comò, antistante lo specchio antico che le aveva regalato una sua amica, tanto tempo prima. Quasi le otto di sera, una cena frugale e una doccia in silenzio. Il silenzio di quella casa, una casa che ormai le stava stretta.

Pigramente accese la televisione, ma nulla che la interessasse. Accese il computer, dette uno sguardo alle mails della giornata e notò quella di Giorgia. Aprì incuriosita, nell’oggetto… ‘Prova a chattare…’.E un link sotto. Questo verbo le riportò alla mente ricordi tristi. La delusione, una delle più grandi fu quella di scoprire un giorno che suo marito lo faceva, chattava, si chattava. E lo scoprì nel più classico dei modi, guardando involontariamente la sua posta. Lavorava con lui a quei tempi e la posta era aperta per motivi di lavoro. Credo che una botta così forte non l’avesse mai ricevuta. Stampò la mail. Si sedette sulla sua poltrona dietro la scrivania e pianse. Già questi ricordi ogni tanto le ritornavano in mente, non si può cancellare o resettare una mente o un cuore.

Ora lo sguardo va al link… Lo apre. Una variopinta serie di immagini, pubblicità, cuori appagati, neon luminosi che invitano ad entrare ed iscriversi. Una bella coppia sorridente in alto, incipit del portale. Sara lo sa, fumo negli occhi, per chi si sente solo e pensa di trovare l’amore della vita nello schermo di un computer. Ma scoprirà molto altro nel tempo. Ma d’altronde cosa ha da perdere, è solo una distrazione per una serata buia, fuori e nell’anima.

L’iscrizione, molte domande, alcune personali, forse troppo personali. Risponde ad alcune, per le altre ci sarà tempo e prosegue. Chiedono un’immagine e mette momentaneamente un’icona qualsiasi. Non le è mai piaciuto mettersi in mostra, figurarsi in una chat. Dopo l’approvazione degli amministratori del sito, entra… Ecco il mondo virtuale di cui le avevano parlato alcune sue amiche, appunto, tra le quali Giorgia.

Decine di profili, no forse centinaia, anzi migliaia. Una foto accanto all’altra, una sopra all’altra. Inizia così a sbirciare tra le foto e i profili. Nulla le sembra appropriato. Finestrelle che si aprono in continuazione, con suoni invitanti. Vogliono contattarti e non ci pensano due volte. Una nuova preda è entrata. Sara inavvertitamente sorride, questo la fa già stare meglio. Ma si che male c’è, due parole, due risate, uno scambio di opinioni. Era alle prime armi, non sapeva quello che la aspettava al di là di un vetro.

Le 11 di sera, ha già chiacchierato con tre persone. Tutti uomini in cerca di avventura, tutti sposati. Eggià, sposati e questo non la sorprese. Anche suo marito lo aveva fatto. Uomini frustrati e alcuni davvero porci. Sesso in chat, non poteva crederci. Ma di cosa parlano questi, certo lei non avrebbe mai e poi mai fatto cose del genere, non le appartenevano certi comportamenti. In seguito seppe e capì come invece certi atteggiamenti siano all’ordine del giorno. Anche da parte delle donne.

Spiluccò un dolcetto e si preparò una bella tisana al profumo di menta. Si stese per qualche minuto con le braccia dietro la testa e pensò. Quasi si vergognava di essere in una chat, come tante. Lei era diversa, pudica, con un’educazione sana. Non aveva mai tradito, mai lo avrebbe fatto. Certo ora era diverso. Era separata, anche se pensava di poter tornare indietro, aspettando che quell’uomo si dimostrasse l’uomo che avrebbe dovuto essere, un uomo vero. Suo marito era tornato si, ma in preda ad una profonda depressione e ad un modo inconsueto di porsi, lacrime e bugie… Il resto preferiva non ricordarlo.

Sara si addormentò. Alle 7 di mattina aprì gli occhi, si alzò e preparò un caffè, nero e bollente. Prese la tazzina si sedette al computer ed aprì la posta. Il sito dove si era iscritta, dava modo di ricevere notifiche, di chiunque fosse interessato al profilo, in questo caso il mio. Nel suo romanticismo innato si era attribuita un nick da sogno.
-Lalunanelcuore-. ‘Ahahahha’ rise solo al pensiero. Una lista di mail provenienti dal sito. Un nick ed un pensiero annesso la incuriosirono. Le fece pensare subito ad una persona cortese. Ma sapeva bene che doveva andarci con i piedi di piombo e ben piantati in terra.

Rispose tramite mail che sarebbe stata connessa nel tardo pomeriggio e che avrebbe volentieri scambiato due parole con lui. Era di una città non molto lontana dalla sua. Quel giorno Sara lo passò con una delle sue care amiche, Federica. Si incontrarono alla metro e si diressero verso un noto centro commerciale della città. Prima cosa ed era un rito ormai, caffè e cornetto. Non potevano farne a meno. Sedute al caffè, come facevano almeno una volta alla settimana. Chiacchierando e ridendo della loro quotidianità, ma confrontandosi sulle problematiche più importanti della loro vita. (Continua)

Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

One Comment on “Un momento di passione (Racconto breve 1^ parte)

  1. Pingback: Un momento di passione (Racconto breve 2^ parte) | Sui sentieri dell'anima... di Pattyrose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Associazione Culturale 'Divagazioni D'Arte'

L'Arte è voglia di emozionare qualunque sia la forma usata per esprimerla

PRISMA , IL CORO CHE BALLA.

Il sito del Coro Prisma: realtà musicale romana che si occupa di intrattenimento musicale con canti folk e popolari.

Curvy Pride Blog

❤ Next Flash Mob Coming Soon // Follow us: #curvypride #beautyhasnosize ❤

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

La Grande Concavità

Scritti spazzatura sulla musica rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: