27genn2011

Punge il freddo dentro un cappotto
sgualcito dalla paura logorato
una stella simbolo dell’aberrante
inneggia all’inciviltà dell’uomo.

Lunghe file di cenci sfatti
visi contorti dall’incredulità
e la morte passeggia accanto
la loro sorte conosce già.

D’un vento traverso che spinge
a forza condotti nella realtà
d’un mondo inerme di fronte
che solo poi scoprirà la verità.

Vite umane spezzate dalla crudeltà
che monito resteranno per l’umanità
nella memoria partecipata si offre
d’un semplice gesto la sacralità.

@Patrizia Portoghese alias Pattyrose
Tutti i diritti riservati

Per non dimenticare…

12 Comments on “Nella memoria

  1. Una poesia stupenda. Un blog stupendo cara Pat!
    Ciao sono Carmen… ho letto di te da Rebecca e son venuta ad affacciarmi!
    Sei veramente una poetessa tu e ciò che esprimi non solo è perfetto e ben enunciato, ma è incredibilmente bello. Anch’io scrivo…. ma son poetessa per scherzo…. e se vieni da me troverai piccole cose in forma poetcica. Ma preteso di essere poetessa davvero! hahahahaaha
    Ti sottoscrivo cara e spero lo stesso tu faccia con me, ti va?
    Un abbraccio
    e…. mai dimenticare!

  2. buona sera a parte la bellezza dei versi assolutamente non si deve dimenticare che serva da monito anche a questi nostri pseudo governanti ciao nazzareno

  3. Grande sensibilità la tua Patty, che ho già avuto il grande piacere di conoscere. Parole che toccano le corde del cuore e che richiamano alla mente immagini che non si devono mai dimenticare, dimenticare sarebbe come offendere la loro memoria e farli morire ancora una volta. Ciao, Pat

  4. Oh Patrizia, ero nel ’99 a Dachau, e sentivo un dolore profondo quando camminavo fra le fotografie messi in mostra, poi ero in una di queste barache, e non riesco concepire la crudeltà del uomo, questa tua poesia sarebbe da nominare per un premio tipo NOBEL questo vale anche per l’altra “Arbeit macht frei”… vorrei in questa occasione anche ringraziarti per quello che hai scritto prima da me, ma io vorrei lasciarti una mia poesia qui una cosa che ho scritto in un momento in cui mi sentivo molto vicino ai nativi americani un popolo che ha subbito una enorme ingiustizia come i ebrei.. ti lascio il link e e anche il testo qui.. sperò che ti piace ti abbraccio sei una cara e buona persona, persone come te ci voule il mondo perchè porti serenità….

    http://pif64rebecca.wordpress.com/2009/01/13/un-mondo-perduto/

    Un mondo perduto

    Intorno a me silenzio e buio, solo il soffio
    del vento anima il fruscio degli alberi
    ammiro le luci delle tende riflettersi
    nelle acque tranquille del lago.
    Mentre una luna intrigante legge i miei pensieri.
    Ricordo tempi lontani,
    epoche perdute nel tempo della storia.
    La mia fantasia vola, seguita della vita reale.
    Tepee fantastici,
    avvolti dai meravigliosi misteri del passato.
    Mi trovo in quel mondo,
    ma senza paura nessuna anima triste,
    in un angolo di quel paradiso trovo la mia pace,
    il mio coraggio di cambiare le cose.
    L’unica luce nel buio e la luce della speranza,
    il calore di un popolo dimenticato.
    La loro purezza, i loro spiriti e anime perdute
    che mi proteggono ancora.
    E ogni notte mi addormento,
    per tornare a quel meraviglioso passato.
    ………………………
    by Rebecca

  5. Ciao Patty, è bellissimo qui…. complimenti per il libro..
    e per la poesia “Nella memoria”… è vero “non si deve dmenticare”…
    ti lascio un saluto affettuoso per una serena settimana…
    un bacione!!!!

  6. CIAO patty ti ho ritrovato…. grazie al post di rebecca… con piacere ti rileggo e ti faccio i complimenti x il libro!!! un saluto affettuoso ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Antonino Schiera - Riflessioni d'Autore

L’incontro con l’orizzonte è come carezzare il nostro desiderio di infinito

wwayne

Just another WordPress.com site

Associazione Culturale 'Divagazioni D'Arte'

L'Arte è voglia di emozionare qualunque sia la forma usata per esprimerla

PRISMA , IL CORO CHE BALLA.

Il sito del Coro Prisma: realtà musicale romana che si occupa di intrattenimento musicale con canti folk e popolari.

Curvy Pride Blog

❤ Promuoviamo la pluralità della bellezza e dell'essere! Contro bullismo, stereotipi e discriminazioni ❤

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: