Soli e umiliati
dietro cortecce di cemento
aspettano l’ultimo ordine per la fila.

Scortati da uomini
che di blu s’appellano
in quel cielo sconquassato di buio.

Paesi di neve
che di rosso vi macchierete
nella scelta che d’orrido s’appresta.

Annullate l’accordo
che d’intreccio e intenti
si fece per esser liberi di camminare.

Di steccati e muri
s’eresse il passato remoto
storia volle cancellare l’impronte
di sbieco nasce quel nuovo, già da cancellare.

Nel blu di una bandiera
annegano le speranze e le lacrime
annichilisce anche l’ultimo brandello
stormi d’uccelli migratori hanno perso l’identità.

©Patrizia Portoghese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Associazione Culturale 'Divagazioni D'Arte'

L'Arte è voglia di emozionare qualunque sia la forma usata per esprimerla

PRISMA , IL CORO CHE BALLA.

Il sito del Coro Prisma: realtà musicale romana che si occupa di intrattenimento musicale con canti folk e popolari.

Curvy Pride Blog

❤ Next Flash Mob Coming Soon // Follow us: #curvypride #beautyhasnosize ❤

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

La Grande Concavità

Scritti spazzatura sulla musica rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: